Rischio bolla nell’internet of things?

Internet_of_things_signed_by_the_authorArrivano i primi dubbi “economici” sul business della realtà virtuale e dell’internet of things, per ultimo se ne è occupato anche Christopher Mims dalle pagine del WSJ.

Il sunto della questione è questo:

Basta inserire nei prodotti un chip collegato in wifi al nostro smartphone per avere un prodotto nuovo, smart e vendibile? Per rispondere viene naturale pensare ai propri oggetti, alle recenti pubblicità e vetrine dei negozi e la risposta è quasi sempre: no, di per sè non basta…

Forni che cercano da soli le ricette per noi, Frigoriferi che ci avvertono della scadenza dei prodotti stoccati, rilevatori di gas o pioggia, delle onde del sonno ed un infinità di altre idee che mettono in collegamento noi (tramite terminali smart) e il mondo che ci circonda … alla mole interminabile di dati che già oggi ci travolge nel famoso #shitstrom (Byung Chul Han, Io apocalittico contro gli integrati della rete) si somma questa nuova onda che può avere un effetto tsunami o esaurirsi nel mare aperto.

La critica attuale alla realtà virtuale evidenzia che sono poche le applicazioni  veramente sviluppate, complete e utili, molte sono solo delle Beta e non sfruttano le capacità potenziali dei nuovi apparecchi. Come tutte le semplificazioni,  nella prima fase portano con se enormi attese e rumore, poi la delusione di non essere riuscite le dove ci si aspettava ed infine, nel periodo della maturità entrano nella nostra vita senza più far “rumore” rimediando i mezzi del passato e rimediando se stesse nella pragmaticità del necessario. Ciò che non semplifica viene scartato e solo ciò che semplifica il processo (e la nostra vita) sopravvive.

Un altro aspetto ancora poco chiaro è dove sia il business di questa semplificazione. Dove si annida il reale guadagno? Nel mondo virtuale delle app o nel mondo fisico dei prodotti?

Le aziende che producono terminali smart hanno deciso di finanziare con milioni e milioni di dollari gli sviluppatori di app perché senza di queste, gli evoluti ultimi modelli di terminali smart non hanno motivo di essere comprati. Molte aziende inseriscono i chip nei loro prodotti senza che questo comporti per l’utente un reale beneficio, spesso li possiamo definire inutili orpelli aggiuntivi come le decine di funzioni di forni, lavatrici e lavapiatti di cui nessuno di noi conosce l’utilità ne si preoccupa di conoscerla ne una volta saputa magari casualmente modifica il nostro corso d’uso del prodotto.

Guardandomi in giro e  soffermandomi sul mondo attuale dell’internet of things ho l’impressione di rivedere, in grande, la bolla della vendita on line e dei “portali” internet… un esserci per moda e non per necessità reale.

Alle aziende che stanno pensando a come affrontare l’internet of things perchè la loro azienda non resti al palo suggerisco di cambiare prospettiva, guardate ai vostri prodotti con gli occhi dei vostri potenziali clienti, guardate come usano i vostri prodotti e cercate di semplificarne l’uso … solo così l’internet of things potrà risultare un investimento riconosciuto dal mercato come utile e quindi remunerativo per voi, semplificate!

Aziende avvisate mezze salvate…

 

Related articles

Sharing Economy – arriva la nuova legge – 1a puntata

E’ in dirittura d’arrivo in parlamento la proposta di Legge nr. 3564 del 27 gennaio 2016 chiesta a gran voce dalla old economy per limitare e riequilibrare la concorrenza con i nuovi player come ad esempio AirBnB, Uber, BlaBlaCar. Il nuovo modello di business minaccia di erodere quote importanti di mercato agli operatori tradizionali (albergatori, taxi, […]

Learn More

Cosa c’è dietro i pokemon go?

Realtà aumentata e paura di quanto non comprendiamo … Chi vede nella app “Pokemon go” solo i Pokemon o peggio ancora i demoni, fa come coloro che vedevano i demoni nelle prime carrozze che si muoveva senza cavalli o scappavano terrorizzati quando sentivano le voci senza veder persone etc … Se siete convinti dunque che […]

Learn More

Affittare la propria casa con Airbnb a rischio divieti!

E’ di questi giorni la notizia riportata da L’OBS  che a Berlino il comune ha deciso di adottare le maniere forti e “vieta” l’affitto di stanze o appartamenti senza apposita licenza. Probabilmente siano di fronte ad una mossa delle lobby alberghiere che si sono trovate tra i piedi un nuovo concorrente potentissimo grazie ai social-media facilmente […]

Learn More

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi