Da bolla dei tulipani a nuova terra di conquista. Prendiamo atto che la tecnologia blockchain sta accelerando la sua diffusione malgrado ci siano ancora problemi tecnologici da superare … è solo questione di tempo dato che si sta esplorando un “nuovo mondo” e più soggetti esplorano, più velocemente si esplora e si risolvono i problemi.
Questi nuovi territori mettono le grandi banche e investitori istituzionali di fronte ad alcuni fondamentali temi operativi. 
Prima di tutto, non lasciarsi scappare il nuovo business, secondo controllare i porti di accesso rendendoli sicuri e limitando i rischi per gli investitori istituzionali. 
Le stable coin sembrano essere il veicolo scelto per gestire il rischio di transazione e quello legato alla solvibilità di chi custodisce i fondi, rischio che il sistema finanziario è abituato ad affrontare. Manca ancora una normativa al riguardo, ma non é difficile pensare di adattare e utilizzare schemi attualmente in vigore per le banche.
Conquistati i porti e resi sicuri, inizia il commercio dove i piccoli saranno portati a giocare il gioco della decentralizzazione e del peer-to-peer. 
I grandi attori, come sempre fatto, venderanno pala, setaccio e secchiello per partecipare alla nuova corsa del “crypto-game” … un occasione d’oro da non perdere di un nuovo mercato da far ingrandire a basso costo in modo da poter fare molti soldi e dove giocare sarà un obbligo inevitabile dettato da un sistema che farà delle criptovalute (stable coin) un must inevitabile in ogni famiglia.

alucibello Uncategorized

Leave a Reply